San Valentino, aria di amore e di storie struggenti… Voglia di romanticismo, di passione e di storie di uomini e donne che hanno dedicato la loro intera vita alla ricerca del vero amore. Vogliamo ripercorrere le tappe di alcune delle più famose storie d’amore. Che siano nate dalla penna di uno scrittore o che siano realmente accadute poco importa… in qualche modo ognuna di queste storie porta con se un insegnamento.

Romeo e Giulietta:
Ecco una delle storie d’amore più famose al mondo, più raccontate e più rappresentate. Shakespeare in questa storia ci narra dell’amore di due giovani amanti, la loro unione è contrastata dalle rispettive famiglie, Montecchi e Capuleti, che da anni sono in lotta fra loro. E’ una storia destinata a finire in tragedia; per poter scappare insieme i due giovani escogitano diverse strategie, Giulietta prende un veleno che le procurerà una morte apparente ed aspetta il suo Romeno in una cripta così potranno scappare insieme non appena si risveglierà, ma Romeo non viene avvertito in tempo dello stratagemma ideato da Giulietta e vedendola inerme la crede morta. Colto dalla disperazione Romeo decide di togliersi la vita bevendo un veleno. Quando Giulietta si risveglia trova il proprio amante morto accanto a lei, la sua vita non sarebbe più vita senza il suo Romeo, quindi decide di uccidersi con il pugnale di Romeo.

Paolo e Francesca:
Il V canto dell’Inferno di Dante è per buona parte dedicato a questi due splendidi personaggi. Il loro girone è quello dei lussuriosi e loro sono fra le anime dei morti per amore. Paolo e Francesca sono due personaggi realmente vissuti, Dante si ispirò proprio alle cronache del tempo per parlare di loro. In vita furono amanti, Francesca sposata con Gianciotto, fratello di Paolo, si innamorò di quest’ultimo. I due sorpresi da Gianciotto furono da questo uccisi.
Dante ci narra del loro amore e per fare questo lascia parlare Francesca mentre Paolo piange. Due anime dannate, che fluttuano all’inferno…ma,cosa che mi ha sempre colpito, si tengono e si terranno sempre per mano.
Ecco un famosissimo passo della divina commedia dedicato a questi personaggi:
« Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende,
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e ‘l modo ancor m’offende.

Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.

Amor condusse noi ad una morte.
Caina attende chi a vita ci spense.”
Queste parole da lor ci fuor porte. »

Maria Callas e Onassis:
La storia d’amore fra il soprano più famoso al mondo, la bellissima Maria Callas, e l’uomo più ricco al mondo, il greco e potente armatore Onassis è una storia d’amore molto travagliata.
Quando la Callas conobbe Onassis era ancora sposata con Meneghini, invaghita da questo affascinante e potente uomo decise di lasciare il marito e vivere la sua storia d’amore con Onassis.
Il suo rapporto con Onassis si rivelò davvero travagliato e difficile, lui la tradiva ripetutamente e la costrinse anche ad allontanarsi dalle scene. I due ebbero un figlio, Omero, che però morì qualche ora dopo la nascita. La differenza d’età ed i continui litigi continuavano a minare questo rapporto. La rottura definitiva si ebbe nel 1968 quando la Callas venne lasciata da Onassis per Jacqueline Kennedy, i due infatti si sposarono il 20 Ottobre del 1968. La notizia gettò la Callas in una depressione dalla quale non uscì più, abbandonò definitivamente la carriera artistica e si rifugiò nella sua casa di Parigi fino alla morte avvenuta a soli 53 anni.

Didone ed Enea:
L’amore di Didone per Enea, raccontatoci da Virgilio nell’Eneide è un amore fatto di lacrime. Didone regina di Cartagine dopo essersi perdutamente innamorata di Enea viene da questo abbandonata, complice lo zampino degli dei contrari alla loro unione poiché distoglieva Enea dal suo compito: la fondazione di Roma.
Virgilio ci narra la disperazione di Didone che lasciata dal suo amato non trova altra soluzione se non quella di suicidarsi.

Lancillotto e Ginevra:
Eccoci giunti all’amor cortese, quello divenuto famoso dallo stile carolingio. E’ l’amore che nasce fra Lancillotto,cavaliere della tavola rotonda e più fidato uomo di Re Artù, e la bella Ginevra moglie di Re Artù.
Un amore impossibile, un amore “sbagliato” al punto da far dipendere da esso la caduta del regno di Camelot.
Indimenticabile il brano in cui Ginevra bacia Lancillotto, la regina si concede a quest’uomo che rimane “pallido e tremante “dinanzi ad elle. Con questo bacio Ginevra consacra il proprio amore per Lancillotto ma allo stesso tempo si abbandona al tradimento verso il marito. Lancillotto a sua volta cedendo all’amore di Ginevra viene meno ai suoi doveri di fedeltà verso il re.