L’amore ha mille forme, l’arte è una di queste. Attraverso dipinti e sculture molti artisti sono riusciti a rendere materiale il sentimento dell’amore che per sua stessa natura ha invece un essenza astratta… “leggera”. Il bacio ad esempio, profondo, sensibile… struggente.
In “Amore e Psiche” Canova immortale il momento in cui psiche ed amore si guardano, ferma l’atto un attimo prima del bacio… nella sua opera c’è davvero qualcosa di eterno.
Scultura totalmente diversa quella di Rodin che, nel suo “Bacio”, mostra invece un’irrefrenabile passione.
Hayez nel suo dipinto intitolato “il bacio”, ferma l’immagine di un bacio rubato fra due giovani amanti, un dipinto che in qualche modo ci fa pensare ad un amore profondamente romantico.
Klimt ed il suo oro, i suoi dipinti sono così originali ed il suo stile è così autentico ed unico che basta nominarlo che nella mente di tutti compare l’immagine del suo meraviglioso “Bacio”.
Magritte, ci propone “il bacio degli amanti” nel suo dipinto intitolato appunto “Gli amanti”, i due hanno i volti coperti da un lenzuolo bianco, chissà forse per coprire il loro adulterio. Molti invece ritengono che l’artista abbia messo un lenzuolo sul volto degli amanti per motivi più strettamente personali, la madre di Magritte venne infatti trovata morta e con il viso coperto da un lenzuolo.
Anche Munch viene ispirato da un amore clandestino, furtivo. Un bacio rubato dietro una tenda,è il blu a trionfare in questo dipinto quasi a sottolineare il dolore di un amore che non può esprimersi alla luce del sole.